Panathlon

Se vedrete sfrecciare questa auto della Dallara senza pilota per le strade di Parma, non spaventatevi, è la Mille Miglia in autonomia col sistema d’intelligenza artificiale

 

E’ una macchina da corsa inventata dal Politecnico di Milano-come ha scritto Elisa Buson, sull’ultimo numero di Prisma, la rivista degli appassionati di matematica,  una super sportiva da sogno. Un motore da sei cilindri da 3nila centimetri  cubi che eroga 600 cavalli di potenza. Accelera  da zero a cento in soli 29 secondi. Ha una velocità di punta che supera i 320 chilometri orari. Ma soprattutto si guida da sola senza bisogno di un pilota grazie ad un sistema di intelligenza artificiale , sviluppato dal Politecnico di Milano. E’ la nuova Maserati NC 20 che ha debuttato nella storica  1000 miglia in programma dal 13 al 17 giugno. La prima sperimentazione al mondo di un veicolo autonomo su strade pubbliche con un percorso che si estende per più di 1.500 km e una finestra temporale di oltre 12 mesi. La prima tappa martedì 13 giugno, da Brescia a Milano Marittima, la seconda da Cervia a Roma, la terza da Roma a Parma giovedì 16, quindi la 4° tappa venerdì 16 da Parma a Milano infine sabato 17 da Milano a Brescia. ” Volevamo portare la nostra sperimentazione su strada, diceva Sergio Savaresi , professore ordinario di automatica del Politecnico, e lo dice con una punta d’orgoglio  ricordando gli importanti riconoscimenti nel palmares del suo Racing Team , tipo la conquista del record mondiale di velocità su rettilineo per un’auto autonoma ,309 km/h raggiunti con una Dallara sulla pista d’atterraggio dello Space Shuttle  al Kennedy Space Center della Nasa in Florida e la vittoria della seconda edizione dell’Indy Autonomous Challenge, il primo campionato di velocità per auto a guida autonoma sul circuito di Indianapolis impreziosita dal nuovo record do 290 km orari. “La nostra sfida sarà di provare l’auto su lunghi percorsi in una varietà di contesti stradali, urbani e non  a cominciare dalla Mille Miglia con un percorso variegato che attraversa tutta l’Italia. Gli ingegneri del Politecnico hanno installato un robot -driver, al posto di braccia e gambe ci sono attuatori elettrici  che agiscono su acceleratore, e freni. Nelle tratte autorizzate dal ministero delle infrastrutture nei tratti delle città di Bergamo, Brescia, Milano, Ferrara, Modena e Parma il veicolo procederà in piena autonomia nel rispetto delle regole previste dalla storica gara a tappe che si svolge in modo promiscuo al normale traffico automobilistico”.

La Dallara sulla pista al Kennedy space (fonte Politecnico di Milano, Prisma di giugno 2023)