GLI APPUNTAMENTI PER I SOCI DEL CLUB

Chi ci sta vedendo

Abbiamo 40 visitatori e nessun utente online

Elenco articoli

Scoperta alla Villetta la lapide che ricorda il 70° della Fondazione del baseball a Parma

 

Inaugurata in mattinata dal Vicesindaco con delega allo Sport del Comune di Parma Marco Bosi una lapide commemorativa presso il cimitero della Villetta. "La scuola Baseball parmense in rappresentanza di tutte le società di Parma e provincia a perenne memoria di tutte le società, dei fondatori, dei dirigenti, dei tecnici, degli atleti, delle atlete, dei simpatizzanti scomparsi" si legge sul marmo bianco che hanno svelato, appunto il Vice Sindaco e  il Presidente della Scuola Baseball Parmense Guido Pellacini e, che è stata benedetta da Mons. Alfredo Bianchi. Vecchie glorie di uno sport legato alla città di Parma da una storia speciale, allenatori, dirigenti hanno partecipato all'appuntamento.

i nostri Soci Corrado Marvasi ed Andrea Paini, grandi animatori del baseball.

 

"Proprio il 15 giugno di 70 anni fa, sei persone si ritrovano nella sede del Rugby Parma di via Repubblica firmando una pergamena. Da lì è iniziata la storia del baseball di Parma. Di uno sport che allora nessuno conosceva" Ha ricordato Pellacini. "Negli ultimi anni,  durante la mia esperienza amministrativa, ho vissuto tutto lo sport parmense e posso dire che, nessuno sport, quanto il baseball è in grado, a Parma, di aggregare. Sapete concentrarvi più sulle cose che vi uniscono, invece che su quelle che vi dividono. E' un modo di interpretare e di praticare lo sport che vi distingue " ha sottolineato Bosi che ha voluto anche ricordare durante la cerimonia l'azione di avvicinamento a questo sport di Don Sergio Sacchi, trascinatore verso valori di sport e vita di tanti ragazzi del quartiere di Via Isola negli anni '80.. Anche don Luigi, il prete che ha benedetto la lapide, ha ricordato il significato pedagogico del baseball, quel sistema che mette un ragazzo contro tutti, uno contro nove e ne sollecita l'intelligenza, il senso di responsabilità. Da notare che Luigino Saracchi, con la solita solerzia, aveva inviato 240 inviti: alla cerimonia erano presenti in diciotto.

Il vice sindaco Bosi e il pioniere del baseball, Guido Pellacini, scoprono la lapide

joomla templatesfree joomla templatestemplate joomla

Ricerca Articoli

Back to Top