GLI APPUNTAMENTI PER I SOCI DEL CLUB

Chi ci sta vedendo

Abbiamo 113 visitatori e nessun utente online

Elenco articoli

Una Conviviale da tutto esaurito con Mazzanti e Carlo Magri : oro olimpico e futuro del Coni

Il  tavolo d'onore con il tecnico azzurro,  Carlo Magri, Carra e il professor Gianfranco Beltrami

Una serata da ricordare per la presenza di tanti soci, al punto da fare registrare il tutto esaurito all’Hotel San Marco ma, ovviamente, soprattutto per la presenza di tanti illustri ospiti, a cominciare da Carlo Magri, neo consulente del Ministro dello sport, Giorgetti, per passare a Davide Mazzanti, senza dimenticare la campionessa di casa, Giulia Gibertini, che rivedremo presto all’Unione Industriali per la premiazione dei Campioni del mese.mE poi alcuni nuovi Soci, Maurizio Pace, Samantha Bernardi e Cosimo Baroni, sì proprio marito e moglie, un professionista del golf (Vaccaro e Frigeri sono già allertati) quindi Manuel Bertuccio nonchè il ritorno di Enrico Mortarotti, socio di lungo corso. Sollecitati da un brillante Francesco Silva (“l’oro olimpico resta un mito, anche quando avevamo i fenomeni abbiamo dovuto accontentarci di argenti e bronzi”) i due ospiti hanno parlato a lungo dopo il filmato sull’avventura delle azzurre nella finale con la Serbia, il drammatico tie break. Mazzanti è arrivato da solo nel senso che la moglie, la campionessa Serena Ortolani, domani giocherà in Coppa Italia: “ Qualcuno a casa deve pur lavorare- sorride il tecnico mentre Carlo Magri ha fatto l’attesa apparizione accompagnato dal professor Gianfranco Beltrami che ha un feeling di vecchia data con quello che è stato il presidente di lungo corso del volley parmigiano e di quello azzurro senza dimenticare il suo nuovo ruolo di consulente del Ministro, a sua volta Amico di Beltrami al punto che anni fa- quando non era ancora un leader politico- venne ad inauguare la sua prestigiosa palestra in via Galilei.

Mazzanti ha detto di essere onorato di essere a Parma, in una terra che seppe porre le radici solide e resistenti della pallavolo. “Ogni volta che mi trovo in palazzetti come il vostro arrivano tanti ricordi. E poi il mio scudetto di Conegliano partì proprio da Parma per il passaggio dei diritti di A-1. Dopo l’avventura nei club, ci fu quella in azzurro con l’ultima tappa mondiale, quel 15 a 12 fnale con le serbe, dopo essere stati spesso in vantaggio. Per me e le ragazze è stata un’esperienza incredibile, ora ripartiamo con una base realizzando un progetto analogico con uno staff di allenatori che vanno in giro per l’Italia ad allenare i giovani. Abbiamo realizzato un video treking, il golf lo fa già. Il nostro obiettivo è una piattaforma nazionale come esiste nel calcio anche a livello giovanile allargando la base. Un talento prima o poi viene fuori, esistono margini che andremo a limare pian piano, la pallavolo ce l’abbiamo dentro, dovremo calibrare i pesi e certi pregiudizi. Occorre tenere ben stretto quello che abbiamo realizzato. Ora l’obiettivo è il biglietto per Sofia, poi ne riparliamo”.

Secondo Magri quella palla che va e viene trasforma uno da vincente a sconfitto ma i meriti restano. “Abbiamo vinto quattro argenti e due bronzi, la squadra che può farcela è sempre sulla carta, se il Club Italia saprà addattarsi alla realtà ce la farà”. Poi il Coni: “ Giorgetti è un appassionato di sport, uno che ti chiama alle cinque del mattino, è juventino, ma conosce le regole e le fa rispettare. Il Coni riceve 400 milioni dallo Stato, 200 per la gestione, 200 pere federazioni, prima si arrivava sempre all’ultma notte, sperando in qualche intervento risolutivo, adesso la legge fissa le quota, il Coni e le Federazioni possono lavorare più tranquilli. Malagò è una persona seria e ha operato bene, lo Stato non ha preso il Coni, come dicono alcuni, il Coni Servizi era già dello Stato. L’importante è che si intervenga nelle scuole. Prima c’erano i presidenti provinciali e sono stati tolti, c’è quello regionale che è inadeguato. Ogni città deve avere un suo responsabile col quale dialogare e confrontarsi. Difficile trovare dirigenti che lavorino senza essere pagati, conosco tante persone che si sono rovinate con lo sport, anche in questo senso occorre una soluzione giusta. L’importante è che il Coni continui ad esistere e che lo sport abbia i mezzi per operare in profondità e tranquillità. Giorgetti è una garanzia”.

Due dei nuovi Soci, Samantha Bernardi e Cosimo Baroni. Quindi la campionessa parmigiana Giulia Gibertini con Mazzanti e poi lo stesso tecnico con Vittoria Gelati e la simpatica amica Eleonora Wierries.

Francesco Silva nel ruolo che gli compete di intervistatore. Un bel ricordo di Mazzanti con la moglie Serena Ortolani e la Coppa del Mondiale, il nuovo Socio Maurizio Pace (Foto Studio Carra)

 

joomla templatesfree joomla templatestemplate joomla

Ricerca Articoli

Back to Top